chi siamo
in bottega attività culturali cittadini scuole e associazioni aziende e PA
 


Equodidattica e formazione
Percorsi educativi e didattici per scuole e associazionismo giovanile!

I percorsi didattici relativi  all’anno scolastico 2016-2017 sono gratuiti, realizzati con un contributo della Regione Lombardia tramite il bando a favore dei progetti per il commercio equo e solidale.

 

La proposta educativa del Sandalo si inserisce nell'ambito della didattica interculturale e trova la sua specificità e ricchezza nel legame con il commercio equo e solidale.

Il commercio equo costituisce di fatto un'esperienza interculturale: i prodotti alimentari e artigianali provenienti dal Sud del mondo sono veicolo di cultura, raccontano storie, generano numerose relazioni di natura non soltanto economica.

Con la volontà di raccontare queste storie e di far conoscere i loro protagonisti abbiamo elaborato dei percorsi didattici interattivi rivolti a ragazzi e giovani di tutte le fasce di età. Per la scuola materna, la scuola elementare, la scoula media e la scuola media superiore.

Sono percorsi che, integrati alla progettazione didattica ed educativa quotidiana, possono essere un utile strumento per stimolare in bambini e ragazzi ad avviare una riflessione critica e motivata che potrà contribuire a realizzare un mondo più giusto.

L'educazione allo sviluppo, la cui finalità è la valorizzazione delle differenze culturali e della solidarietà, richiede a studenti e insegnanti di rimettere in discussione il modo di essere e di rapportarsi con gli altri, la distribuzione diseguale delle risorse e del sapere tra i popoli.

I PERCORSI FORMATIVI sono diversi per fasce di età, possono essere personalizzati per numero di ore e obiettivi e possono essere costruiti assieme agli insegnanti per adeguarli alle esigenze della didattica.


SCUOLA PRIMARIA (età 5/11 anni)


Obiettivi
Promuovere uno spirito di collaborazione attraverso lo scambio di esperienze.
Avvicinare i bambini a culture e realtà sociali diverse dalle nostre, apparentemente lontane.
Potenziare la creatività e sviluppare linguaggi extra verbali.
Conoscere l'interdipendenza economica tra Nord e Sud del mondo e i meccanismi che generano impoverimento e sottosviluppo.
Acquisire una maggiore consapevolezza del ruolo essenziale del consumatore nella catena della produzione e nelle dinamiche di sfruttamento.
Conoscere i principi e i criteri del commercio equo e solidale presentato come possibile alternativa.

Metodi e strumenti
Giochi, fiabe, filastrocche, drammatizzazioni con scenografia, costumi, trucchi, video che abbiano contenuti attinenti alle problematiche da affrontare.

Modulo 1 Economia
     

IL COMMERCIO EQUO SCUSI COS'E'?

 

(Classi V^ primaria,
 scuola secondaria di primo grado )

 

Destinatari:
 una classe di circa 25 ragazzi
Durata: 3 ore

 

Le dinamiche di interdipendenza Nord – Sud del mondo e i principi del Commercio equo e solidale rispetto al caso emblematico del caffè, possibili varianti con cacao, cotone.

Quanto siamo consapevoli delle conseguenze che può avere il nostro stile di consumo sulla vita di persone che vivono in altri paesi?
I meccanismi del commercio internazionale sono equi o vanno a discapito dei paesi più poveri?
Questo laboratorio vuole essere uno stimolo per iniziare a riflettere sul ruolo che ciascuno di noi riveste come consumatore, e sul concetto di responsabilità personale.
A partire da un'analisi della realtà, metteremo in comune le possibili alternative, non ultima quella di un commercio più equo e solidale.

Obiettivo: conoscere la realtà del Commercio Equosolidale

     
Modulo 2 Prodotti buoni per chi li produce e per chi li consuma
     

IL MONDO A COLAZIONE

(Scuola dell’Infanzia, Elementare)  Destinatari:
una classe di circa 25 bambini
Durata : 2 ore

 

Da dove viene il cacao che metto al mattino nel latte?
Chi ha seccato le foglie del tè? E lo zucchero di canna? E i cereali?

Dall'esperienza quotidiana di ciascun bambino, con giochi ed attività tese a favorire la partecipazione, si propone un percorso introduttivo sulla provenienza dei prodotti e sulle loro caratteristiche biologiche.
 
Si invita a raccontare, anche attraverso attività grafiche, il proprio vissuto riguardante il momento della colazione per raffrontarlo con gli usi e costumi dei coetanei che vivono in Paesi di altre latitudini.

Obiettivo: conoscere, manipolare, sensibilizzare i bambini a un concetto diverso di colazione.

     

IL MONDO E' BELLO PERCHE' VARIO

(classi IV e V scuola primaria,
 scuola secondaria di primo grado)

Destinatari: una classe di 25 ragazzi

Durata: due ore e mezza
 

Tutti mangiamo ma non sappiamo spesso da dove provengano i prodotti che quotidianamente troviamo sulle nostre tavole, la lunga strada che devono percorrere e il costo effettivo all’origine.

Probabilmente non ci siamo mai chiesti se ci siano differenze tra le varietà di pomodori o di patate e se sia più economico coltivare una sola qualità.

Obiettivo: attraverso un gioco di ruolo i ragazzi potranno comprendere l’importanza della diversità genetica  per la salute delle nostre coltivazioni.
     

Modulo 3  - Bambini e Diritti

     

DIRITTI IN FIABA

(scuola primaria)

 

Destinatari:
una classe di 25 bambini
Durata: 2 ore

 

Il laboratorio con l’ausilio di una raccolta di favole scelte e collegate agli articoli della Convenzione ONU, si propone di far conoscere i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, di spiegare ai bambini e ai ragazzi l’importanza che essa ha per loro, per la loro crescita e per la loro vita.
 


Obiettivo: far conoscere la convenzione dei diritti dei bambini e dei ragazzi

     

IL SACCHETTO DI CARTA

(scuola secondaria di primo grado)

 

 

 

 

Destinatari:
una classe di 25 ragazzi
Durata: 3 ore

 

La crescita delle grandi città è più rapida nei paesi in via di sviluppo, dove molti abitanti lasciano la terra in cerca di lavoro e di un miglior livello di vita.  Ma spesso essi trovano città che si presentano come un accumulo di baracche costruite dai primi arrivati, i quali hanno fallito nel trovare un lavoro regolare.
Calcutta è una tipica città di questo tipo, con vasti problemi.  Nei “bustees”, che furono costruiti per i lavoratori delle fattorie 100 anni fa, abitano più di tre milioni di persone; quasi 250.000 dormono semplicemente in strada e la meta della popolazione della città non ha un lavoro a tempo pieno.
 Là dove non può esservi lavoro in senso formale, la gente stessa ha creato le sue attività e i suoi servizi: lustrascarpe, rickshaw, sarti, piccoli rivenditori di frutta e verdura.
Un'altra attività di questo tipo, solitamente svolta dai bambini, è fabbricare sacchetti di carta.

Obiettivo: Mettere a fuoco la realtà e le problematiche dei bambini lavoratori nel mondo.

     


SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO


     

CONOSCI E RACCONTA  IL COMMERCIO EQUO

Il progetto coinvolge 15  Scuole Secondarie di Secondo Grado
delle provincie di Como, Varese, Bergamo e Monza Brianza.
E’ coordinato dalle Organizzazioni di commercio equo e solidale delle relative provincie:
Cooperativa Equomercato (Cantù), Cooperativa Garabombo (Como), Cooperativa IlSeme (BG) ,
Cooperativa Macondo (Giussano MB), Associazione Il Sandalo (Saronno VA).

Destinatari: classi di Scuole medie Superiori

Durata: 10- 12 ore
 

Un progetto per conoscere il funzionamento del commercio internazionale nei paesi di produzione della merce che tutti acquistiamo e conoscere l’alternativa FAIR TRADE, rispettosa dei diritti delle persone che lavorano nella filiera produttiva.
Il valore di un prodotto del commercio equo non sta solo nella sua buona qualità, ma anche nel valore del progetto sociale e di cooperazione da cui deriva. La conoscenza di questo valore sociale è un elemento fondamentale per promuovere tali prodotti.

Questo percorso è un’occasione per riflettere sui comportamenti individuali ed essere in grado di scegliere in autonomia quando si effettuano i propri acquisti valorizzando i progetti di cooperazione da cui derivano.
Il commercio equo costituisce di fatto un’esperienza interculturale: i prodotti alimentari e artigianali provenienti dal Sud del mondo sono un veicolo di cultura, raccontano storie, generano numerose relazioni di natura non soltanto economica.

Obiettivi: I percorsi didattici si propongono di creare la consapevolezza che qualsiasi processo di sviluppo sociale di paesi e società deve essere rispettoso di scelte, culture  e scale di valori  di ciascuno.

Realizzazione:
Dopo un momento introduttivo per appropriarsi delle conoscenze di base sul commercio internazionale e le caratteristiche del commercio equo gli studenti saranno coinvolti nell’approfondimento di una realtà specifica del Sud del Mondo (Africa) e nella realizzazione di una presentazione multimediale (video, blog ..) che racconti la loro esperienza e il tema trattato.

La presentazione e diffusione  del lavoro sarà realizzata attraverso i social media e  in un incontro pubblico coinvolgendo gli  studenti degli istituti  che hanno aderito al progetto.
     

EDUCARE E FORMARE AL LAVORO EQUAMENTE

(Scuole Alberghiere)

 

 

 

 

Durata 10 ore

Metodologia :
 di tipo interattivo, un approccio che tende alla scoperta e all'autoapprendimento.

 

Un progetto rivolto alle scuole alberghiere per promuovere una ristorazione etica, coinvolgendo i futuri chef in un percorso alla scoperta del commercio equo e solidale per unire qualità, attenzione all’ambiente e ai diritti.


Utilizzando come esempio un prodotto coloniale, il cacao, si esploreranno le dinamiche del mercato internazionale e quelle del commercio equo, la determinazione del prezzo e la tutela dei diritti di chi lavora.
Verrà inoltre approfondita la conoscenza della filiera di produzione, dalle origini a tutto il processo produttivo, con la possibilità di scoprire i  produttori  Fair Trade e  conoscere le tecnologie di produzione del cioccolato artigianale.
La degustazione di vari tipi di cioccolato e la produzione in laboratorio cucina di prodotti di pasticceria con cacao equosolidale concluderà il percorso.
La rielaborazione dell’esperienza potrà essere realizzata dagli studenti con strumenti a scelta, concordati con i docenti (es.  schede didattiche, strumenti multimediali, pagine web, video, …)

Il percorso affrontando aspetti diversi che spaziano dall’economia al diritto, dalle tecnologie alimentari alla storia, crea spunti di approfondimento nelle varie discipline.
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per informazioni contattare

Annalisa Silvestro - scuola primaria
Cell 334 7568987 annalisa94silvestro@gmail.com

Cristina Telazzi - scuola secondaria superiore
Cell 334 6203614 e-mail cristina.telazzi@alice.it

Associazione IlSandalo Equosolidale
Corso Italia 58/Vicolo S. Marta Saronno
Tel 02 96280295 e-mail info@ilsandalo.eu

   
Il SANDALO bottega del commercio equo e solidale
Corso Italia, 58 angolo Vicolo Santa Marta, Saronno (VA) e-mail: bottega@ilsandalo.eu
Top